Breaking News

nuove tv 4k LG

La tecnologia 4K tutta la forza della TV del futuro

La tecnologia 4K è il futuro della TV

Gli standard qualitativi delle immagini ogni anno sono riqualificati dai produttori in base all’innovazione tecnologica di componenti e apparati di riproduzione. La tecnologia attuale ha una sola direzione: il digitale.
La televisione, il cinema, i flussi in streaming sul computer hanno tutti in bocca il sapore dolce del digitale, il progresso occupa un posto in prima fila, la corsa agli armamenti in fatto di alta definizione è già cominciata.
Era il lontano 2010 quando youtube ha iniziato a testare il flusso video superando lo standard HD, dal quel momento le aziende hanno capito che andava annunciata una svolta che da lì a poco ci sarebbe stata: il 4K entra nel mercato ‘consumer’ della tv e degli home video. Uno standard che si configurava già come Ultra HD allora e che adesso è una realtà tangibile senza la pretesa di grossi sacrifici per la tasca.

Che cos’è la tecnologia 4K

Lo standard 4k risponde letteralmente al significato di quattromila, ossia il numero dei pixel che caratterizzano la sua risoluzione orizzontale. Questo in poche parole significa che il 4K garantisce una qualità audiovisiva multimediale quattro volte superiore allo standard HD.

Per comprendere meglio l’argomento vediamo concretamente, più che tecnologicamente, quali novità offre questo formato rispetto agli altri.

  • Suono: brillante, pulito, con una stereofonia superiore a quella attualmente conosciuta. I suoni hanno una sintesi e un dettaglio sonoro elevato, sembra di trovarsi realmente sul posto.
  • Immagini: dettagliate, con una presenza di luminosità e contrasto davvero mai viste prima, la nitidezza si è spinta al punto tale da tracciare perfettamente anche i bordi più piccoli, l’esperienza visiva è prossima alla realtà.
  • Colori: vividi, intensi, con una profondità percettiva in grado di mostrare sfumature e codifica della tinta.

La tecnologia delle tv 4k ‘assume’ sicuramente una posizione dominante che il 3D non è riuscito ad accaparrarsi. Il mercato dei pixel dei prossimi anni ha un solo imperativo: ‘risoluzione 4.096 x 2.160’.

Il test del prodotto

nuove tv 4k LGPer superare lo scetticismo e renderci conto del reale impatto che la tecnologia 4k delle TV offre all’esperienza visiva, abbiamo testato un televisore LG 4K, affermando con certezza che ‘un’immagine 4k vale più di mille parole’.
La prima sensazione è di aver a che fare con una tecnologia avanzata e futuristica di portata rivoluzionaria. La caratteristica più evidente, prima di accendere la tv, è il pannello Ultra HD. Assolutamente stupefacente, con la retroilluminazione nano full led lascia percepire la gradevole sensazione che il meglio deve ancora venire. Il televisore è ben ancorato su un piedistallo dal design raffinato e avanzato che permette la totale esposizione della Soundbar nella parte bassa in una posizione strategica e quanto mai interessante.

A questo punto il test entra nel pieno della sua esperienza: la prova audiovisiva. Scegliamo un paio di brevi clip. Le persone presenti al test rimangono esterrefatti. Una qualità dell’immagine con una profondità e una densità del colore mai vista prima. Le immagini scorrono in modo lineare, sembra di vivere un’esperienza virtuale nel mondo reale. Sia da vicino sia da lontano le immagini non perdono consistenza, perfino i piccoli punti sono densi e con una presenza della chiarezza emozionante. Il contrasto è perfetto, la luminosità permette di realizzare il vero colore delle immagini senza sottrarre alcuna sfumatura ai colori tra di essi miscelati.

Abbiamo provato in seguito a testare il 3D. LG dimostra di saper fare bene il suo lavoro, gli occhiali sono ergonomici, leggeri, poco percettibili sul naso, garantendo la possibilità per lo spettatore di godere a pieno la profondità del 3D e la multidimensionalità degli oggetti in modo egregio. La compattezza delle immagini l’abbiamo vista poche volte viste in altri televisori. I prodotti LG iniziano a far la storia dello standard 4k fin da ora.

Leave a Reply